Periodo: marzo 2019.

Di cosa si è occupato ilturco: ideazione, coordinamento, allestimento, comunicazione (ufficio stampa, fotografie, video, testi), percorso educativo.

Soggetti coinvolti: progetto sviluppato per la Fondazione Ferrara Arte, con il contributo di Eni.  Coinvolgimento diretto: studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Ferrara.
Coinvolgimento indiretto: classi scolastiche e adolescenti interessati a comprendere e sviluppare con
maggiore consapevolezza i contenuti proposti dalla mostra “Boldini e la moda”, organizzata a Ferrara
dal 16 febbraio al 2 giugno dalla Fondazione Ferrara Arte, nelle sale di Palazzo Diamanti.


PREMESSA EDUCATIVA
Cosa si impara dalla moda? Perché è importante conoscere la sua funzione e saperla interpretare? 
La moda rappresenta i valori del proprio tempo, incarna una visione del mondo, il sentimento che
plasma la relazione tra l’individuo e il contesto. La moda non riflette la realtà, esprime bensì i principi
e le emozioni che in un dato contesto storico e geografico caratterizzano la coscienza collettiva. Saper
osservare le sue evoluzioni con spirito critico e consapevolezza significa scendere più in profondità
nella comprensione del tempo passato e presente.

PROGETTO
Il progetto prevede il coinvolgimento degli studenti delle scuole superiori ferraresi nella realizzazione
di una serie di video contenenti approfondimenti inediti, funzionali a illuminare lo spirito del tempo che
determinò nella Parigi di fine Ottocento la nascita dell’haute couture e le modalità della sua
rappresentazione e diffusione, e a porre in relazione il sistema valoriale espresso dalla moda di allora
al sistema valoriale espresso dalla moda contemporanea. Protagonisti di questi video saranno
operatori del settore di riconosciuta professionalità (stilisti, artigiani, fotografi, modelli, scenografi,
designer, giornalisti, sociologi e studiosi di costume) invitati appositamente a Ferrara per visitare la
mostra e fornire – intervistati dagli studenti su temi specifici – chiavi di lettura capaci di confrontare
e connettere passato e presente. I video saranno a disposizione online, in un’apposita sezione del sito
dedicato alla mostra. Saranno inoltre diffusi a livello nazionale dalla rete dei media partner.

OBIETTIVI FORMATIVI
– Fornire agli studenti delle scuole ferraresi gli strumenti per comprendere non solo la produzione
artistica e il contesto in cui lavorò il pittore Giovanni Boldini, ma più in generale la funzione della moda
e la sua capacità di interpretare e tradurre in prodotto tangibile – oltre che in immagine ideale – il
sentimento del tempo. Offrire agli studenti coinvolti l’opportunità di sviluppare un dialogo diretto con
diversi professionisti del settore, quindi di conoscere in prima persona l’articolazione interdisciplinare
del sistema moda.
– Presentare alle classi e ai singoli interessati a visitare la mostra una prospettiva diacronica sul tema
della moda, uno sguardo sulle opere e sui temi presentati nelle sale capace di porre in relazione –
grazie alla competenza e alla peculiare prospettiva degli addetti ai lavori – passato e presente.

          

Partner della mostra e partner unico del progetto didattico Boldini: l’immagine allo specchio: